January 2nd, 2013
Oggi sono tornata a Bolotown e indovina? esatto, diluviava. 

Però ora io ho il mio sole personale, è un sacco morbido e parla pure spagnolo. Che vuoi di più?

Oggi sono tornata a Bolotown e indovina? esatto, diluviava.

Però ora io ho il mio sole personale, è un sacco morbido e parla pure spagnolo. Che vuoi di più?

December 5th, 2012

Dunque Tumblr è il posto dove si riuniscono le gggentibelle (ambè, magari non proprio tutte, ma facciamo finta che, che questo è un post puccy). 

Ci sono due gggenti bellissime che noi siamo lì a dirgli “Dai, venite su Tumblr, che ci sono i gattini e i dolci e c’è pure Darren Criss (sono gusti, OH)”. E loro dicono che no, che non vogliono.

Li vogliamo convincere?

December 3rd, 2012
  • Broken: Che ce l'hai un amico trentenne, bono e non gay?
  • Soldina: Broken, sono single da un anno e mezzo, secondo te ce l'ho??
November 29th, 2012

In realtà esiste una categoria che proprio non sopporto più di tutti gli altri e sono quelli che spariscono. 

Ex-fidanzati, amici, usciamo-nonusciamo-nonloso, tutta quella gente che di punto in bianco, a un certo punto decide che proprio non gliene frega più niente e se ne va, pensando di socchiudere la porta e facendo invece un gran casino.

E noi, alla fine, non ce lo meritiamo nemmeno un po’.

November 27th, 2012

Il mio post arriva con calma, un paio di giorni dopo, perché volevo raccogliere un po’ le idee.

Nell’ultimo anno, viaggiare mi ha insegnato tante cose, ma alcune -forse quelle più importanti- le ho imparate vedendo un pezzo di me stessa attraverso gli occhi delle persone con cui ho avuto l’occasione e la fortuna di parlare.

Quindi grazie a chi mi ha regalato un sorriso o un minuto di risate isteriche, a chi ha avuto una parola gentile, a chi mi ha offerto una tequila, a chi mi ha fatto compagnia con una sigaretta, a chi mi ha svegliato con una carezza, grazie soprattutto a chi ho abbracciato (proprio io, che odio il contatto fisico). Grazie a chi mi ha fatto sentire a casa.

Io ringrazio tutti (esattamente come a suo tempo ringraziavo le città che mi hanno fatto crescere un po’) e, anzi, forse nemmeno grazie è abbastanza.

November 25th, 2012

Home Sweet Home

Eh niente, Roma è sempre tanto bella, le genti belle sono sempre tutte tanto belle.

Stamattina ero senza giubbotto, con un sole splendente e ora sono sotto tre coperte e fuori dalla finestra c’è nebbia talmente fitta da sembrare panna montata.

Also, sono tornata a casa, Coinquilino Figo mi ha rimproverato perché stavo fumando anziché studiare e Coinquilina Tortellina - what a surprise! - piange, perché lui è uscito con qualcuno di non meglio identificato.

November 11th, 2012

Ieri sera una tra quelle che ho sempre considerato le mie più care amiche mi ha detto una cosa che mi ha lasciato senza parole.

Mi ha detto che non ha senso sentirsi tutti i giorni, che nel momento in cui le racconto qualcosa che non abbiamo condiviso, questa cosa perde di interesse proprio perché non l’abbiamo vissuta insieme. E ha aggiunto che, visto che abbiamo poche occasioni di vederci, non sentirci quotidianamente ci fa apprezzare di più le chiacchiere che facciamo quando ci ritroviamo, visto che altrimenti non sapremmo che raccontarci.

Ecco, era un discorso che non mi aspettavo, ma soprattutto è un pensiero che non condivido.

C’è una persona che io sento tutti i giorni, e non perché mi sento in obbligo e no, non è il mio fidanzato (immaginario, per altro), è una persona che mi fa svegliare con un buongiorno e un sorriso e mi fa andare a letto la sera serena, e sempre con un sorriso. Non possiamo vivere insieme un sacco di cose, perché la distanza è maledetta, ma ne condividiamo più di quante avrei potuto immaginare.

E comunque non vedo l’ora di vederla, perché abbiamo un sacco di cose da raccontarci.

September 30th, 2012
  • Broken: Senti, senti come predico bene e poi vedi come razzolo male.
  • Cosipergioco: Guarda io alle elementari avevo 9 a predicare e 3 e mezzo a razzolare.
September 17th, 2012
  • Cosipergioco: Come stai?
  • Broken: Come d'autunno sugli alberi le foglie. Tu?
  • Cosipergioco: 'Nammmmerda. (è sempre di Ungaretti, l'ha scritta dopo "Soldati")
September 6th, 2012

Grazie Tumblr.

Sopravviverai. Quando sei andata via da Valencia ti sembrava che ti avessero strappato il cuore. E che un dolore del genere non lo avresti vissuto piú. Sopravviverai come sei sopravvissuta qualche mese fa. Sopravviverai con i tuoi affetti italiani che sai che ci sono, sopravviverai con noi, sopravviverai con l’università, con I meetup, con le risate italiane. Sopravviverai e il tempo passerà, me l’ha garantito la mia compagna di squadra dottorata in fisica che il tempo passa sempre :)

Non so quale grazie divina mi ha concesso di conoscerti.

August 13th, 2012

Uscire dalla metro senza ombrello e trovare il diluvio universale

  • Brokenclock: Elì, prega insieme a me che smetta presto perché ho pure i sandali
  • Cosipergioco: Ah, io prego ma non so quanto possa funzionare.
  • B: ...ha smesso.
  • C: Allora influisco sul dio di Shanghai.
  • B: Buddha ti ama.
  • C: Amiamo entrambi il cibo.
  • B: Sono appena rientrata in albergo. È ricominciato il diluvio universale.
  • C: Gliel'avevo detto io, gli ho offerto una carbonara.
August 11th, 2012

First Impression

Sono arrivata dopo sole 19 ore di viaggio. 

L’aeroporto di Bologna fa schifo come al solito.

L’aeroporto di Schipol è una figata megagalattica, oltre a bar, negozi e ristoranti di ogni etnia esistente al mondo, ci sono un casinò, una SPA, un museo, un meditation centre (che non so bene cosa sia, ma ce n’è uno) e ultime, ma non meno importanti, sale fumatori ovunque. (A Bologna non abbiamo nemmeno i muri, figurati le sale fumatori.)

L’aeroporto di Pudong non ho avuto tempo di capire come sia, ero concentrata su altro. (More on this later.)

Il mio compagno di viaggio sull’aereo è stato un vero gentlemen inglese: mi ha fatto alzare tutte le volte che ho voluto, mi ha aperto le bottiglie, mi ha fatto compagnia durante i pasti*, mi ha intrattenuto nei momenti di noia, mi ha persino, involontariamente, fatto da cuscino senza lamentarsi. Tanto caro. 

Ovviamente non si fermava a Shanghai ma aveva un connection flight per un posto sperduto e, non contento, anche un viaggetto in elicottero. Faceva un lavoro complicato, non stavo capendo ergo non mi sono informata oltre.

Ma la parte più bella di questa traversata è stata Alex. 

Alex è un ragazzo che ho notato sull’aereo nel momento esatto in cui ci è salito: non perché che è alto, biondo e bello (vabè, pure per quello), ma perché Alex si presenta in cabina indossando una collana di fiori.

UNA. COLLANA. DI. FIORI. Inutile dire che mi aveva conquistato già così (e ovviamente era seduto sette chilometri lontano da me).

Una volta arrivati a Shanghai ci troviamo insieme a tentare di capire da quale parte uscire. Poi oh, io sono curiosa e devo chiedergli perché la collana di fiori. Dice ‘Mi hanno detto che in Cina non curano molto l’ambiente, che è tutto grigio e il tempo non aiuta. Quindi io volevo portare un po’ di gioia.’ SBABAM. Ciao, mi sono innamorata. A quel punto non posso far altro che raccontargli delle mie collane di fiori in aereo e del fatto che pure io avevo pensato di portarmela oggi. E lui che fa? Si sfila la collana e la appende al mio collo. SBABAM l’ho già detto?

Ci facciamo compagnia al controllo visti e al baggage claim, ci raccontiamo un sacco di cose tra un sorriso e l’altro. Questa avventura è già partita bene.

Ovviamente anche lui non si ferma a Shanghai - figurati - ma aveva un connection flight per un posto sperduto ad altre due ore e mezza di aereo. Mi porge il suo iPhone, mi dice scrivimi la tua email, mi dice ‘It was a pleasure to meet you’, mi da due baci e se ne va. 

Ciao Alex, ciao.

Nel prossimo capitolo: Del perché farsi capire in Cina è molto più facile che capire. E di come i soldi risolvano sempre tutto.

*(dieci ore di volo, una serie ininterrotta di cibi e bevande. Volare di nuovo con una compagnia di linea mi è parso un sogno. Sono salita con DUE bagagli a mano. NON PESATI. Capite la gioia?)

August 3rd, 2012
  • Sally: Oh, ma quando vieni a trovarci?
  • Broken: Quando torno da Shanghai vengo, te l'ho detto e ve l'ho promesso.
  • Cookies: Sì ma sbrigati a tornare eh.
  • Broken: Oh, se mi fai partire magari poi torno anche!

21

Ci sono i compleanni speciali, quelli che ricordi per tutta la vita, passati ai cento all’ora, con i regali perfetti e la festa in grande stile.

Ci sono i compleanni nati storti, quelli che ti ricordi per tutta la vita sì, ma per quanto hanno fatto schifo, quei compleanni che in realtà sono giorni peggiori di un giorno qualsiasi, ma oh, ci sono pure quelli.

Poi ci sono i compleanni come quello di ieri, speciali per niente, ma unici per qualcosa, con piccole sorprese dagli amici di sempre, la cena con la famiglia, un cuoco folle che ti fa la doccia con lo spumante e ti regala una tazza con un vulcano 'perché il tuo futuro sia esplosivo' .

Poi, quando pensi che sia tutto finito e sei già felice così, ricevi una telefonata che più bella non si può, con molte voci che si sovrappongono e un tanti auguri cantato in coro e un po’ piangi e un po’ ridi e pensi solo GRAZIE.

July 11th, 2012
Volete la ricetta?

Volete la ricetta?